Pista ciclabile del Naviglio Pavese: da Pavia a Milano in bici

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(3 Voti)
Milano è una grande metropoli e raggiungerla in bicicletta non è sempre facile e scontato. Provenendo da sud, dalla bella città di Pavia, è possibile però seguire la pista ciclabile del Naviglio Pavese che, inoltrandosi tra le campagne della pianura padana e passando a pochi passi dalla Certosa, sale fino a Porta Ticinese, a Milano. Questo itinerario ciclabile si sviluppa lungo il canale spostandosi dalla riva destra a quella sinistra attraverso comodi attraversamenti. Il tracciato è ideale anche per famiglie con bambini data la difficoltà minima e la lunghezza non eccessiva.

Mappa

 
 
La partenza di questo itinerario di cicloturismo avviene a Pavia, cittadina lombarda troppo spesso trascurata dal turismo. Adagiata sul Ticino, a pochi passi dal Po, Pavia fu capitale del regno longobardo. Le sue vie eleganti e ciottolate incuriosiscono, il Ponte coperto sul fiume Ticino invita all'attraversamento, il castello visconteo permette di tornare indietro nel tempo fino al 1360, anno in cui venne fatto costruire da Galeazzo II Visconti.

Da Pavia verso la Certosa

Iniziamo a pedalare dal cuore di Pavia, da Piazza Duomo dove ci si può sedere a bere un caffè assaporando l'aria cittadina. Pedaliamo verso nord e il castello visconteo che in tutta la sua maestosità attira subito l'attenzione. Costeggiandone il perimetro si segue l'edificio sul lato occidentale per poi superare una rotonda e continuare lungo il naviglio, sulla riva orientale.
pavia centro
Il vero e proprio Naviglio Pavese, molto simile a come lo vediamo oggi, fu fortemente voluto da Francesco Sforza nel XV secolo e divenne parte del sistema dei navigli di Milano. Fin dal principio il canale ebbe una duplice funzione: quella di via di comunicazione e quella irrigua. Si pedala all'ombra degli alberi che cingono il Naviglio, una manna per i cicloturisti durante le calde giornate estive.ponte coperto di pavia
All'altezza del bivio della Certosa di Pavia, a circa 10 km dalla partenza, è possibile deviare a destra per visitare il complesso monumentale. La costruzione della Certosa fu iniziata nel 1396 per essere conclusa dopo 101 anni. Eretta in stile gotico rinascimentale è gestita ancora oggi dai monaci cistercensi. 
Prima di raggiungere la Certosa di Pavia in bicicletta informati sugli orari di apertura: sarebbe un vero peccato arrivare fino a qui e non poterla visitare.certosa di pavia in bici
 
 
Verso Milano lungo il Naviglio Pavese
Lasciandosi la Certosa di Pavia alle spalle si riprende la pista ciclabile del Naviglio Pavese in direzione del capoluogo lombardo. Il paesaggio è quello tipico della Pianura Padana con distese coltivate e boschetti. La presenza dell'acqua raccolta nel canale, come già detto, è stata di fondamentale importanza (e lo è tuttora) per lo sviluppo agricolo del territorio. Si continua verso nord passando a fianco di Casarile prima e della più grande Binasco poi. Milano è vicina e questi paesi un tempo distanti dalla città ora sembrano quasi esserne parte integrante.
2 km prima di Binasco ci si ritrova a pedalare su un tratto sterrato divertente, breve ma intenso.segnaletica
Da Binasco poi si devia leggermente ad Oriente entrando nel comune di Zibido San Giacomo sul cui territorio comunale si possono contare davvero tantissime cascine, alcune delle quali anche risalenti a secoli fa. Oltrepassiamo Moirago e costeggiamo Rozzano, 42000 abitanti e un castello visconteo ancora ben conservato.ciclabile naviglio pavese verso milano
Si entra a Milano dall'estrema periferia sud senza mai lasciare l'Alzaia del Naviglio Pavese che però diventa strada promiscua e non più ciclabile. Si raggiunge presto Porta Ticinese, sulla Darsena: la zona dei navigli è conosciuta per i numerosi locali dove rifugiarsi di sera per un aperitivo o due chiacchiere con gli amici. Porta Ticinese è una delle sei di Milano, venne ricavata dai bastioni e inaugurata nel 1815 per volere di Napoleone.
Dalla porta storica si può pedalare fino al Duomo, il simbolo di Milano o al castello sforzesco per riposarsi sotto le fronde del Parco Sempione ma fai sempre attenzione al traffico e ai binari del tram quando pedali in città.poirta ticinese milano
Da Milano è possibile rientrare a Pavia con i treni regionali che consentono anche il trasporto delle biciclette. Ogni ora viaggiano in media due treni
Pista ciclabile del Naviglio Pavese: da Pavia a Milano in bici - 3.3 out of 5 based on 3 votes
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it
Altro in questa categoria: Vacanze in bici a Venezia? Si può! »
  • Nessun commento trovato

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×