Ciclabile dell'Adige: da Merano a Verona in bici

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(10 Voti)
Vivendo a Trento ed avendo una bici da corsa, mi è capitato molte volte, soprattutto ad inizio stagione, di allenarmi lungo la ciclabile dell'Adige che percorre il fondovalle e spesso in estate mi è capitato di incontrare moltissimi cicloturisti, soprattutto tedeschi: il tracciato è infatti l'ideale per chi vuole evitare il traffico ed è ben collegato con altri percorsi che uniti possono costituire un viaggio in bici piuttosto vario ed interessante.
La ciclabile dell'Adige è la ciclovia più lunga dell'intera provincia e prosegue nelle vicine province di Verona e di Bolzano, costituendo un tracciato perfetto per chi ama la tranquillità di una pedalata senza sforzi e con valide alternative cultural-turistiche sulla sua via.

Mappa

 
Questo itinerario si trova anche nella nostra Guida alle piste ciclabili del Trentino uscita a luglio 2016 ed edita Ediciclo
 

Pista ciclabile dell'Adige

La pista ciclabile dell'Adige percorre tutto il corso della vallata da Merano (in realtà la ciclabile inizia dal lago di Resia ma per comodità te la racconteremo in un altro articolo!) a Verona, con qualche "sconfinamento" su strade secondarie e di campagna. A Merano la maggioranza della popolazione è di lingua tedesca e ti stupirai nel vedere il gomitolo di tracciati ciclabili che la percorrono. img 8551Merano profuma di pane ai cereali appena sfornato e strudel con crema di vaniglia quindi prima di partire fai scorta di delizie per il pranzo. Pedalando da Merano dove partono anche la ciclabile della Val Venosta e la pista ciclabile della Val Passiria, in circa 30 km si raggiunge Bolzano dove si può visitare il centro storico iniziando il giro da piazza Walther e lo splendido castel Roncolo. Si scende verso Trento attraversando i vigneti dell'ottimo Gewurztraminer nella zona del lago di Caldaro (dove puoi trovare molti itinerari in MTB) prima e del Teroldego poi, passando per la piana Rotaliana.Giunti nel capoluogo trentino, ti accoglieranno il castello del Buonconsiglio ed il Duomo con la fontana del Nettuno. Proseguendo verso sud, si corre lungo la pista ciclabile dell'Adige fiancheggiando il fiume fino a Castel Beseno e a Rovereto. Dalla città del Mart si scende superando Mori, Ala, Avio con il bel castello di Sabbionara e giungendo a Borghetto, ultimo paese trentino. In Veneto si segue la nuova pista ciclabile con leggeri saliscendi fino all'ultima salita al forte di Rivoli. Da Rivoli Veronese si può decidere di proseguire in direzione di Affi lungo la Ciclopista del Sole o verso Verona lungo la ciclovia dei fiumi veneti. Vediamo la pista ciclabile dell'Adige più nel dettaglio partendo da Bolzano e raggiungendo Verona o Affi attraverso la deviazione lungo la ciclopista del Sole...

Da Bolzano a Trento tra Isarco e Adige

Bolzano, capoluogo di provincia dell’Alto Adige, è il punto di partenza da noi scelto, ma è possibile collegarsi a questa città dal passo Resia seguendo la ciclabile della val Venosta fino a Merano. Pedalando da Merano, dove parte anche la pista ciclabile della Val Passiria, si prosegue verso sud lungo l’Adige e si raggiunge Bolzano in circa 30 km. In alternativa si può arrivare a Bolzano anche dalla val Pusteria (prosecuzione della ciclabile della Drava in Austria) che giunge in città dopo un tratto di valle Isarco. Dopo aver visitato Bolzano, si scende verso Trento attraversando immense distese di vigneti: quelli dell’ottimo Gewurztraminer nella zona del lago di Caldaro e quelli del Teroldego nella piana Rotaliana. Nei pressi della stazione ferroviaria di Ora si trova l’inizio del percorso per mountain bike (fattibile anche con bici da viaggio) della Vecia Ferrovia - da Ora a Molina di Fiemme che collega proprio la valle dell’Adige alle Dolomiti di Fiemme e Fassa.ciclabile adige salornoLa ciclabile entra in territorio trentino dopo aver superato Salorno. La vallata si restringe prima di aprirsi nei pressi di San Michele all’Adige, dove inizia la piana Rotaliana. Qui si trova anche il collegamento Sabino - San Michele che passando per Mezzolombardo conduce in Val di Non. Proseguendo invece verso sud, con la cima aguzza del Bondone come riferimento, si passa la zona degli asparagi di Zambana per raggiungere Lavis e compiere un ampio ferro di cavallo attorno alle foci dell’Avisio che si getta nell’Adige. Mancano pochi chilometri per raggiungere Trento, dove si entrerà scorgendo il Doss Trento e la chiesa di Sant’Apollinare sulla sponda destra orografica dell’Adige. Giunti nel capoluogo trentino, si è accolti dal castello del Buonconsiglio e da Piazza del Duomo con la fontana del Nettuno.

Da Trento a Rovereto, di città in città

Con l'elegante piazza Duomo alle spalle e la cattedrale che veglia sui cicloviaggiatori, si percorre Via Verdi costeggiando l'università e i numerosi locali. All'altezza del parcheggio di Sanseverino si svolta sulla destra per poi accedere alla ciclabile della Valle dell'Adige alla prima rotonda. Guardando verso nord si scorge la bella chiesa di Sant'Apollinare sotto il Doss Trento, mentre poco più in alto la funivia di Sardagna regala un punto di vista alternativo su Trento. La pista ciclabile procede verso sud incontrando presto il Palazzo delle Albere del XVI secolo e il Muse. Davanti al Museo delle scienze è stato allestito un ampio parco pubblico dove rilassarsi o fare un picnic. Lungo l'argine del fiume Adige non è difficile scorgere un coniglio sfuggente saltare nella vegetazione mentre si pedala in direzione di Rovereto. All'altezza del ponte di Ravina si attraversa l'Adige per continuare a seguirlo sulla riva orografica destra. Le campagne che lambiscono la pista ciclabile sono punteggiate di vigneti e meleti che in primavera fioriscono di bianco. img 8570Si oltrepassa il Museo dell'Aeronautica Gianni Caproni raggiungibile attraverso la nuova bretella ciclabile. A Mattarello, frazione del comune di Trento, si riattraversa l'Adige portandosi sulla riva sinistra al cospetto del massiccio della Vigolana. La pista ciclabile si mantiene a fianco del corso d'acqua mentre la strada statale rimane più alta passando a fianco dei paesi della valle. Poco prima di entrare a Besenello, sovrastata dall'imponente castel Beseno risalente al XII secolo, la ciclabile devia passando nuovamente l'Adige. Per visitare il maniero è necessario seguire l'itinerario verso Besenello e poi salire fino all'ingresso della fortezza.
Poco oltre il dosso di Castel Beseno, per chi è appassionato del genere, esiste la possibilità di fare una deviazione dal percorso per visitare Castel Pietra, una sorta di borgo fortificato ancora oggi abitato. I comuni di Nomi, Volano, Villa Lagarina si susseguono uno dopo l'altro mentre ci si avvicina a Rovereto. Lungo una strada collinare, a monte di Villa Lagarina, immerso tra i vigneti sorge Castel Noarna del XI secolo. Conosciuto per un processo alle streghe che condusse alla morte di cinque donne, Castel Noarna ospita una cantina con la bellezza di 35000 bottiglie di vino. img 8732Rovereto è ormai alle porte con il suo imperdibile museo d'arte Moderna e Contemporanea, il Mart, il Museo Storico della Guerra (quest'anno con il Centenario non si può mancare una visita!), il centro storico, il lungo Leno, la Campana e il Sacrario dei Caduti da cui si gode uno splendido panorama sulla Vallagarina. Prima di entrare in città la pista ciclabile attraversa le campagne per poi riavvicinarsi al centro urbano e mostrare ai cicloviaggiatori l'Opera ciclica, un'installazione dedicata alla bicicletta. Poco prima che il Leno finisca il suo viaggio nell'Adige ci si trova di fronte ad un bivio: proseguire verso sud, Mori e la ciclabile Garda, Ala e Avio con il castello e poi Affi e la ciclopista del Sole oppure prendersi del tempo da dedicare alla bella Rovereto seguendo il Leno verso Nord-est e il centro storico.

Da Rovereto a Verona (o Affi) in bicicletta

Dal centro storico di Rovereto si pedala verso sud fino ad incontrare il torrente Leno che scende dalla Vallarsa per gettarsi nel fiume Adige. Lungo il corso d'acqua si procede in tranquillità tra vegetazione, famiglie in bicicletta e il suono dolce del torrente. Per raggiungere la pista ciclabile dell'Adige è necessario seguire le indicazioni ciclabili per Trento o Lago di Garda fino a ritrovarsi sulle sponde del fiume.img 8813
Svoltando verso sud si può poi continuare il viaggio in bici verso Ala, Avio ed Affi. Il Leno termina il suo corso nell'Adige ma la ciclabile non si interrompe. Aldilà del fiume, su un dosso appariscente, sono conservate le rovine di Castel Pradaglia, citato per la prima volta nell'anno 1183. Dalla ciclabile si hanno scorci anche sul Baldo che in primavera è spesso ancora innevato. Appena dopo Ravazzone che sorge sulla riva destra dell'Adige, si attraversa il fiume per ritrovarsi in località Daone, all'imbocco del Canale Biffis. La pista ciclabile scende verso sud e supera il canale appena prima del bivio per Mori e la ciclabile Garda verso il lago. Se si vuole pedalare verso Nago, Torbole e il lago di Garda questa è la deviazione da prendere.img 8566
Proseguendo lungo la valle dell'Adige, all'altezza di Marco, si riattraversano il canale e il fiume riportandosi sulla riva orografica sinistra. A monte di Marco, frazione di Rovereto, si trovano i cosidetti lavini di Marco, un'area naturale protetta formata da antiche frane di rocce calcaree dove sono state rinvenute impronte preistoriche di dinosauri. Tra i vigneti della Vallagarina si corre verso Serravalle dell'Adige, paralleli all'autostrada del Brennero e alla ferrovia (i treni regionali che trasportano bicicletta effettuano fermate in tutte le stazioni e sono un buon supporto per percorrere la ciclabile). Al cospetto dell'occhio attento del Monte Zugna si attraversa l'Adige entrando nel territorio di Chizzola dove svettava l'omonimo castello del 1100, ora in rovina.
Ala è sempre più vicina: castel Saiori e un vecchio ospedale militare giacciono dimenticati tra la vegetazione del Baldo, mentre poco più in alto l'altopiano di Brentonico anticipa le fortificazioni del Corno della Paura. La pista ciclabile zigzaga superando Pilcante e ritrovandosi ai piedi di Sabbionara d'Avio dominata dal suggestivo castello. Dalla parte opposta della valle spicca la Sega di Ala, una strada alquanto impegnativa da affrontare in bicicletta, si tratta della via d'accesso ai Monte Lessini.

La valle si stringe dolcemente, chiusa nella morsa del Baldo e dei Lessini, passa per Borghetto, l'ultimo comune del Trentino, ed entra in Veneto attraversando l'autostrada mediante un cavalcavia. Dopo Borghetto, un tempo paese di frontiera tra il Trentino austriaco e il Veneto italiano, oggi semplicemente ultimo borgo della provincia autonoma di Trento, la pista ciclabile di recente costruzione prosegue sulla destra Adige permettendo di raggiungere in poche pedalate Belluno Veronese, in provincia di Verona.La pista ciclabile segue il canale Biffis prima di alzarsi di qualche metro e correre parallela alla strada provinciale destra Adige. 

pista ciclabile adige veneto
Più avanti poi la ciclabile attraversa la SP portandosi alla sua sinistra e proseguendo verso sud. Prima di Rivalta il percorso riattraversa la strada e si perde tra i vigneti. Oltre Preabocco si passa nei pressi del Santuario Cristo della Strada, dedicato a tutti i morti sul lavoro, per morte improvvisa o violenta. Pedalando sull'Eurovelo 7, in Italia Ciclopista del Sole, si supera Tessari fino a giungere alle porte di Canale. Prima della deviazione per entrare nel paese o per visitare, poco più avanti, i ruderi della tagliata d'Incanal, la ciclopista del Sole ritorna ad essere una pista ciclabile a tutti gli effetti iniziando la sua decisa ascesa al Forte Rivoli. Questo
tratto di percorso è piuttosto ombreggiato e regala, dopo un po' di salita, un punto panoramico sulla valle dell'Adige insolito e molto piacevole. 
All'altezza del Forte di Rivoli si è giunti sul punto più alto del colle: meglio approfittarne per dare un ultimo sguardo alle campagne dei dintorni coltivate a vite, all'edificio testimonianza della Grande Guerra e alla Valle dell'Adige. Dal forte si scende fino a Rivoli Veronese dove si può scegliere tra due possibilità: svoltare a destra continuando il viaggio sull'Eurovelo 7 verso Affi o proseguire dritti lungo la ciclovia dei fiumi veneti in direzione Verona. Lungo la Ciclopista del sole l'itinerario è in parte segnalato: basta prestare attenzione ad ogni bivio come quello di Coletto dove bisogna lasciare la strada per svoltare a sinistra ed inoltrarsi nella bella campagna veneta. Al termine della retta in leggero saliscendi si gira nuovamente ma questa volta a destra su facile sterrato in direzione di Colo. Da Colo in poi si prosegue sempre dritti terminando l'itinerario proposto ad Affi, una tranquilla cittadina adagiata sul torrente Tasso dalla quale iniziare tanti altri percorsi su strade secondarie o mountain bike.
img 8580

Se si vuole raggiungere Verona da Rivoli Veronese si può seguire la ciclabile Rivoli – Bussolengo, parte della ciclovia dei fiumi veneti, che costeggia il canale Biffis passando per Gaium, Ragano, Piovezzano e terminando a Bussolengo. Dopo aver attraversato la cittadina si prosegue fino quasi alla fine del canale, si devia costeggiando il parco villa Pullè e poi si ritorna a fiancheggiare il fiume Adige per un breve tratto. Si entra a Verona, la città di Romeo e Giulietta con l'imponente arena affacciata su piazza Brà, lungo il canale industriale Camuzzoni. ;Le alternative in zona sono molte e piacevoli: da Bolzano si può risalire il corso dell'Adige ed inoltrarsi in Val Venosta per poi sconfinare in territorio austriaco dal passo Resia, dove si può visitare il celebre campanile nel lago. Nei dintorni di Rovereto (più precisamente da Mori) invece si può deviare verso Torbole per raggiungere il lago di Garda e costeggiarlo (da Torbole in poi sulla provinciale della Gardesana orientale) fino a Peschiera per riprendere un percorso ciclabile del Mincio che ti condurrà fino a Mantova. Insomma, la valle dell'Adige e i suoi percorsi ciclabili offrono un'ottima opportunità per le famiglie e per chi ama i viaggi in bici senza troppe difficoltà.

I bicigrill di Nomi, Avio e Trento sud

Nato per assistere e permettere a chi pratica cicloturismo lungo la pista ciclabile dell'Adige di riposarsi ed avere utili informazioni, il bicigrill di Nomi si trova fra Trento e Rovereto e consiste in una struttura dotata di bagno con servizio bar. Lungo la ciclabile dell'Adige ti capiterà di scorgere i cartelli segnaletici in legno che ne indicano la presenza a pochi chilometri di distanza. Una volta giunti in prossimità di Nomi, invece che seguire la ciclabile dell'Adige sul ponte che attraversa il fiume, prosegui dritto per 150 metri e ti ritroverai al Bicigrill. Se sei dubbioso sul tragitto e la percorrenza, chiedi informazioni ai gestori e consulta la mappa della ciclovia dell'Adige esposta appena fuori. A Trento sud, quando la pista ciclabile dell'Adige passa in prossimità dell'aeroporto/museo Caproni, si può fare una sosta presso il bicigrill per uno spuntino o per bere una birra alla spina ghiacciata.ciclabile dell adige
Un'altra struttura aperta da poco è il bicigrill di Avio "Ruota Libera". Lo troverai pedalando verso il confine del Trentino con il Veneto e potraiapprofittarne per mangiare uno spuntino o riposarti un po' ammirando il Castello di Sabbionara d'Avio! Anche in Sudtirol sono presenti strutture simili al bicigrill, l'ultimo lo incontrerai a Salorno, all'uscita dalla provincia autonoma di Bolzano.
 

Cosa vedere lungo la Ciclabile dell'Adige

 
La ciclabile dell'Adige percorre per intero l'omonima valle seguendo il corso del fiume da Merano fino al capoluogo di provincia altoatesino a quello trentino fino a raggiungere Verona. Oltre a queste quattro città, Merano, Bolzano, Trento e Verona, che meritano di certo una visita per la loro ricchezza culturale, storica e artistica, piacevole è pedalare fra i vigneti della strada del vino di Appiano o attraversare la piana Rotaliana celebre per il teroldego ed il trento doc.piedicastello doss trento
La ciclabile dell'Adige continua verso sud passando sotto castel Beseno, che si osserva sulla sinistra e Castel Isera, sulla destra sopra Villa Lagarina. In bicicletta si oltrepassano alcuni ponti sull'Adige e si costeggia la città di Rovereto, celebre per il Mart, i suoi festival e i monumenti in ricordo dei soldati e civili scomparsi nei cruenti conflitti mondiali. Le montagne incorniciano la valle regalando panorami davvero meritevoli: Bondone, Zugna, Finonchio, Stivo... Scendendo verso il Veneto ci salutano il Castello di Avio e diversi borghi colorati adagiati sul fiume. La valle lentamente si allarga ed in lontananza si scorgono i forti che si raggiungeranno nel proseguimento di questo viaggio in bicicletta sulla ciclabile dell'Adige. Una volta entrati in Veneto, da Borghetto in poi, la ciclabile è presente solo a tratti: il resto dell'itinerario in bici andrà percorso su strade secondarie.
 
I collegamenti con treni e pullman con servizi dedicati al cicloturista sono sempre più frequenti ed utilizzati... anche se la bici va sempre pagata in più al prezzo del biglietto del passeggero! In estate però, a chi soggiorna in Trentino, viene proposta la Trentino guestcard con cui accedere ai trasporti, ai musei, ai castelli e a molti altri servizi gratuitamente o ad un prezzo scontato.

Se cercate ulteriori informazioni: per il tratto trentino sul sito della Provincia di Trento sono presenti maggiori dettagli. A questa pagina trovate notizie per il tratto tra Merano e Bolzano ed infine qui trovate informazioni per il tratto tra Trento e Bolzano.

Ciclabile dell'Adige in bicicletta lifeintravel.it
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×