Cambogia montuosa del sud-ovest: pedalando nei Cardamomi

Pubblicato in Cambogia
Vota questo articolo
(1 Vota)
Etichettato sotto
La Cambogia è un paese piatto, facile per i cicloviaggiatori a parte un paio di aree isolate come la remota provincia di Ratanakiri e la selvaggia catena montuosa dei Cardamomi nel sud-ovest del paese. Non c'è motivo che spinga i ciclisti a passare di qui se non il masochismo e noi un po' di dolore ce lo vogliamo procurare. Saltata l'area vulcanica orientale per mancanza di tempo, ci restava il sud-ovest e proprio lì ci siamo diretti negli ultimi giorni di validità del nostro visto cambogiano.
I monti Cardamomi in un tempo non troppo lontano erano lande di conquista per boscaioli illegali e bracconieri spietati; le strade di Krong Koh Kong, porta d'accesso della regione situata al confine thailandese, erano bazzicate da spacciatori, giocatori d'azzardo e delinquenti in cerca di una notte di divertimento e sballo con prostitute bambine vendute per pochi spiccioli. Le cose per fortuna sono cambiate negli ultimi anni: il verde polmone che ricopre i pendii delle montagne attira sempre più amanti della natura e dell'avventura, il parco nazionale Botum Sakor ed il corridoio per la conservazione che si sviluppa lungo la strada nazionale n° 48 custodiscono solo alcune delle meraviglie naturali della regione ed anche se il turismo è per ora un bambino ancora in fasce, molto debole e vulnerabile, la via verso uno sviluppo sostenibile ed eco-compatibile sembra imboccata.
Noi cercheremo di solcare questa traccia, pedalando sotto il sole che col passare dei mesi diviene sempre più cocente. Phnom Penh è alle spalle ormai da un po' quando iniziano le prime dolci e lievi colline. Un tamarindo a bordo strada offre riparo e refrigerio ai nostri fisici ormai svuotati del superfluo ed una giara piena d'acqua nel giardino di casa di un ciarliero cambogiano incuriosito ci regala una doccia fredda dal sapore dolce come il miele.
Il porto di Sre Ambel sancisce l'ingresso nel cuore dei Cardamomi meridionali e la sensazione di trovarsi in un avamposto di frontiera è acuita dallo sguardo sospettoso delle anziane commercianti al mercato e dalla camera con l'intonato scrostato e le colonne di formiche alla porta. Quattro estoni, le pance prorompenti tipiche degli amanti della buona tavola e della birra fresca, ci raggiungono in sella alle loro bicicletta mentre boccheggianti trangugiamo tre succhi di zucchero di canna l'uno in fila all'altro. Viaggiano leggerissimi, tre-cinque chili di materiale al massimo a testa, stanno pedalando da Ho Chi Mihn a Bangkok ed i volti bruciati ricoperti di crema solare a proteggere la pelle, rivelano il salto climatico subito in un tempo troppo breve per essere assimilato.
Un piccolo stagno al lato della strada, tra capanne di contadini e campi coltivati, è l'habitat ideale del martin pescatore, divenuto ormai un fido compagno di viaggio nel nostro incedere nelle umide pianure d'Oriente che lentamente si coprono di immense foreste di mangrovie tra le cui radici trovano riparo decine di specie animali. Andoung Tuek era, fino al 2008, un paese diviso a metà dal fiume Tatai, ostacolo naturale sul percorso verso ovest oggi superato con uno dei quattro ponti costruiti in cooperazione tra Thailandia e Cambogia lungo il corridoio dei Cardamomi. Una barca allungata e sgangherata ci porta verso nord per una breve escursione al tramonto e tra le radici delle mangrovie ancorate sulle sponde del fiume, avvistiamo qualche timido volatile.
Non appena si entra nella zona del parco nazionale Botum Sakor la strada si impenna e le nostre gambe ormai avvezze alla rotonda pedalate di pianura, inveiscono sputando acido lattico ad ogni strappo. Il panorama è struggente: distese verdi infinite si stendono innanzi ai nostri occhi ed il traffico irrisorio ci permette di godere la Natura nel reverente silenzio che essa merita.
Ananas grandi come angurie fanno bella mostra di sè sulle bancarelle di Trapaeng Rung affiancate da frutti strani e sconosciuti, immensi, colorati e dall'aspetto invitante. Un'altra collina passa sotto le nostre ruote, ed un'altra ancora quando finalmente all'orizzonte il sole riflette i suoi raggi ormai dorati del tramonto su una superficie piatta che ammiriamo per la prima volta dalla nostra partenza, 6000 chilometri fà: l'oceano! Krong Koh Kong e la Thailandia sono lì sotto di noi e dopo esserci voltati per salutare i monti Cardamomi, degni rivali di questi ultimi giorni, ci sediamo su una roccia a strapiombo nell'attesa che il sole scenda sulla foresta e sulla nostra esperienza cambogiana: domani sarà di nuovo Thailandia!

Questo articolo fa parte del diario di viaggio tenuto in diretta del progetto Downwind. Se volete leggere le altre puntate, ecco qui tutti gli articoli dei nostri dieci mesi in bicicletta nel sud est asiatico. Chi non riesce a lasciare casa senza salire in sella ad una bicicletta, potrà scoprire qui le strade più belle del Sud Est Asiatico da fare in bici!

{phocagallery view=category|categoryid=174|displayname=1|displaydetail=0|imageshadow=shadow1}
Cambogia montuosa del sud-ovest: pedalando nei Cardamomi - 5.0 out of 5 based on 1 vote
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito