Bologna - Palinuro in bicicletta | Osimo - Pineto 3° tappa

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Si parte subito dopo una colazione scadente, ma efficace. Finalmente tutta discesa, fino a Porto Recanati o quasi.
Nell’enfasi della discesa non guardo troppo i cartelli e la solita ansia da “sbaglio strada” e conseguente risalita mi assale. Finalmente arrivo a Osimo Stazione e capisco che è tutto giusto. È buffo vedere a Osimo stazione tutti quegli edifici che ho già visto su street viewer quando cercavo alberghi e strade, sembra un dejà vu.
 


 

Tappa 3 da Osimo a Pineto

 
Tappa da: Ospedaletto ad Osimo
Partenza ore: 8.30
Arrivo ore: 16.30
Percorsi: 128 km
Media oraria totale: 15km/h
Media oraria in marcia: 17 km/h
Ascensione totale: 339 m
 
Altimetria Bologna Plainuro in bici 3° tappa
Proseguo la strada con un po' di saliscendi e chiedo ad un ciclista ulteriori indicazioni per Porto Recanati piccola salita ancora e poi giù fino al mare per pedalare fino a Pineto. Lungo tutta la strada ho una brezza che allevia il calore, ma che mi fa affaticare in quanto è di ¾. Mi fermo al solito distributore per fare il pieno di acqua e una doccia rinfrescante. Proseguo. Chiedo ancora acqua da raffreddamento ad un ragazzo che sta annaffiando gli ulivi, mi avverte che è fredda, ascolto il suo consiglio e faccio attenzione nel bagnarmi. Meno male, mi fossi messo sotto il getto subito avrei rischiato un collasso. A Civitanova mi fermo a mangiare, vedo un signore che dopo aver parcheggiato l’auto e lasciato scendere la moglie comincia a guardare nella mia direzione. Bologna Palinuro in biciDopo una serie di titubanze scende dall’auto, mi si avvicina e mi chiede che giro sto facendo. Lui, fisico asciutto e nervoso, si capisce che di bicicletta ne ha fatta parecchia e ad un certo punto mi confessa che è andato da solo da Civitanova a Lourdes in 8 giorni e mezzo, 1800 km, un mito per me. Arrivo finalmente a Roseto, telefono all’albergo per chiedere se hanno posto. Ce l’hanno. Mi indicano la strada e mi dicono che non c’è salita. Credo loro e risalgo in bici.
Arrivo a Pineto e seguo le indicazioni, cerco via Stati Uniti; mi compare subito dopo una curva una salita da far invidia al Pordoi. Scalo i rapporti e di santa pazienza mi metto a pedalare e scalare la strada maledicendo l’albergatrice che non mi aveva detto la verità. Per fortuna la salita è breve, 500 m e in fondo al viale trovo villa Arlini, una bellissima casa padronale stile '800 con un giardino ben tenuto e con una vista splendida su mare e colline circostanti. Entro, l’ambiente è bello, semplice e tranquillo, il proprietario una persona molto alla mano, trova subito empatia con me e mi racconta le sue avventure ciclo-goliardiche fatte con gli amici da Pineto a Pietralcina. La sera ceno. Per primo uno sformato di verdure molto buono e ben presentato per secondo un triste arrosto di tacchino. La signora, a fine cena, mi offre una specie di crescentina marchigiana fatta di pasta di pane e accompagnata da prosciutto crudo. Mi offre anche la possibilità di restare una notte ancora. La crisi evidentemente la stanno sentendo. Anche la mia crisi mi spingerebbe a restare un giorno in più e godermi la spiaggia poco lontana e l’area marina protetta, resisto e le dico che deciderà all’indomani mattina.
Vi siete persi la seconda tappa del viaggio in bici di Roberto da Bologna a Palinuro? Fate un salto indietro e leggetela qui! oppure continuate a leggere l'avventura nella quarta tappa da Pineto a Atessa
Roberto

Lavoro come ricercatore all'Enea e nel tempo libero cerco di andare in bicicletta. Ho cominciato tardi questa attività quando i capelli erano già brizzolati, facendo esclusivamente MTB con lo scopo di vedere posti che in auto erano irranggiungibili e a piedi richeidevano troppo tempo. La passione si sta ampliando ed adesso comincio anche a fare dei percorsi più lunghi con tratti anche su strada.

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×