Bangkok goes Green e condivide le biciclette

Pubblicato in Thailandia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Chi l'avrebbe mai detto che sarei arrivato a dire che il modo migliore per girare per Bangkok è in bicicletta? Forse non proprio tutta la città ma perlomeno le zone centrali di Siam, Sathorn e Silom sono ora esplorabili in bicicletta anche per chi come me non ne possiede una.
Come? Semplice, grazie a Pan Pan (sito disponibile al momento solo in lingua tailandese).









PanPab
 
Se prima la soluzione era affidarsi alle diverse agenzie che offrono visite ed escursioni guidate della città, oggi si può girare per Bangkok in piena autonomia. "Come? Semplice, grazie a Pan Pan (ปันปั่น), che tradotto letteralmente significa "condividere la pedalata". Si tratta di un "bike sharing" ovvero di un moderno ed economico noleggio bici che offre la possibilità di prelevare e riconsegnare la bicicletta in punti diversi e con una certa flessibilità d'orari.
L'iniziativa, fortemente voluta dall'attuale amministrazione di Bangkok e dal suo Governatore (Mr. Sukhumbhand Paribatra) è stata lanciata solamente lo scorso 1° maggio ma, tipicamente in stile tailandese, delle 30 postazioni previste ne sono state attualmente aperte solamente 17.
 

Come funziona?

 
Per prima cosa è necessario ottenere la carta prepagata. Possono ottenerla le persone di almeno 18 anni d'età presentando un valido documento di riconoscimento (il passaporto va ovviamente benissimo) ad uno degli addetti che in alcuni dei punti di noleggio sono appositamente preposti al rilascio delle carte prepagate.
Ottenuta la carta, grazie al sistema completamente automatizzato, è possibile recarsi in uno qualsiasi dei punti di noleggio, prelevare la bicicletta e utilizzarla per tutto il tempo che si vuole. Finito l'uso la si riconsegna ma non necessariamente nel punto in cui era stata presa.

Quanto costa?

 

Il costo della carta è di 320 baht (7,50 € al cambio attuale). Di questa spesa iniziale 100 sono una quota associativa annua, 120 sono il costo materiale della carta e 100 sono un iniziale credito per iniziare da subito a noleggiare le bici.

La cosa sbalorditiva è il costo effettivo del noleggio: la prima ora è gratuita; fino a 3 ore costano 20 baht, 40 fino a 5 ore e 100 baht se si superano le 8 ore.
Nella quota di noleggio, oltre ovviamente alla bicicletta, è compresa anche l'assicurazione in caso d'incidente, per danni a cose o persone e per l'assistenza sanitaria ospedaliera! Il noleggio non prevede purtroppo il casco protettivo - caldamente consigliato ovviamente visto il traffico caotico della città.
 

Dove si trovano le biciclette?

 
PanPanMapCome dicevo prima al momento ci sono 17 punti di noleggio dislocati nella zona che circonda il centralissimo Lumphini Park (al numero 13). La mappa, aggiornata ad agosto 2013, è in continua evoluzione e nuovi punti vengono costantemente creati. Sono facili da riconoscere visto lo sgargiante colore verde e arancione che caratterizza le "pensiline" (il verde è il colore della municipalità di Bangkok mentre l'arancione è il colore della Tipico, ditta che sponsorizza in parte l'iniziativa).
Fin dall'inizio la cosa ha decisamente suscitato il mio interesse ma ecco che s'è presentato subito l'ostacolo principale: scoprire dove ottenere la carta prepagata per poter effettuare i noleggi.
Online si trova il modulo per fare la richiesta ma non è affatto chiaro come si ottenga poi la carta. Casualmente avevo notato che in 1 o 2 postazioni c'era un impiegato con tanto di PC.
Noleggio bici a Bangkok
Quasi per caso, a poca distanza da dove abito, hanno appena inaugurato un nuovo punto per il noleggio (si tratta di quello indicato con il n° 11 che si trova su Sathorn Road davanti all'inconfondibile W Hotel) dove una gentilissima impiegata in pochi minuti, dopo essersi presa i dati del mio documento ed avermi scattato una foto, mi ha consegnato la mia carta pronta per essere usata. 
Nonostante il traffico ed il caldo, è stato davvero piacevole esplorare vicoli e stradine nei dintorni di casa, scoprire angoli non trafficati e attraversare zone poco turistiche che solitamente non frequento. Inoltre molti dei marciapiedi della zona nella mappa hanno una specifica corsia per le biciclette indicata da strisce rosse. La maggior parte delle persone che ho incontrato erano piacevolmente sorprese di vedere uno straniero girare in bicicletta.
L'esperienza è stata così divertente che ora approfitto del sistema per tornare a casa dal lavoro, grazie anche alla vicinanza di punti per il noleggio nei punti di partenza e arrivo del mio percorso: se pertanto venite a Bangkok e vi imbattete in un occidentale che pedala spensierato sopra una bici verde, quell'occidentale potrei benissimo essere io.

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×